Bologna Connect

I remember exactly how I felt two years ago when I left the train and I saw the sign  “Bologna Centrale train station”.

I was alone and I felt disoriented in a big and unknown city. I was shocked by speeding cars, buses and in a hurry taxi drivers’ horns blaring.

I was selected to join the two-year course ITS Turismo e Benessere. There, I had the occasion to meet my Business English teacher, Laura Bizzari and Antonella Orlandi who teaches a course on China Outbound Market. They are both co-founders of Bologna Connect. This is a non-profit association created by people who love Bologna and would like to share their enthusiasm for the city with other people. Another aim of Bologna Connect is to promote the international aspect of the city, sharing information about Bologna’s gastronomy and wines as well as art, culture, literature and music.

The keys of this organization are #passion, #language and #welcoming.

In order to attend the ITS course, I moved to Bologna where I felt more at home in the new metropolitan city.

Thanks to the ITS course (tag pagina), I studied several #tourism subjects such as “destination, itinerary and package tour”, “cultural, artistic and historical resources” and “tourism marketing”, that helped me to see the city from a deeper point of view.

Thanks to the wide local, national and international networking of Bologna Connect, I had the possibility to collaborate with Seoul Broadcasting System, an important South Korean radio and television company. There, I met two South Korean models and we were the main characters of a video about Korean and Italian beauty, at the Cosmoprof Trade Fair 2017.

Moreover, I would like to thank Bologna Connect because it gave me the opportunity to collaborate with an important hotel in Bologna, where I can practice speaking English and also put into practice what I learned, through my studies at ITS Turismo e Benessere, about tourism.

Bologna Connect is always informed and updated and aims to improve Bologna’s position worldwide, sharing its traditions and local specialities.

This confirms Bologna Connect’s concept:

BringingBolognatotheWorld” and “BringingtheWorldtoBologna”.

By Margherita Lolli

Part 2:

We stay here till it closes for lunch and then wander back to the Two Towers, stopping for another gelato pit-stop, for both kids and grown-ups.They didn’t used to have so many different flavours when I first came here, and it is just so much fun to try new ones. In theory I should go for the fruit ones because they’re ususally made from fresh produce on the premises, and have less calories. When you see those really really perfect looking creamy fluffy ice-creams, it’s actually not a good thing – the more perfect and fluffy-looking they are, the less likely it is that they’re made that morning on the premises. You can always ask.

Just to the left of our landmark base (this is where we meet up if we get lost), the Two Towers, we veer up one of the tiny streets into what was once – and actually still is – the old food market, veggies and fruits and fish, and now there’s a lovely food hall here. But don’t let the word ‘market’ throw you off – this is where some of the most up-market clothes shops are too, (almost) right next to the fish stall! We window-shop in Tamburini, perhaps the best-known food shop, jam packed with all the most traditional foodstuffs from Bologna: tortellini, tortelloni, prosciutto, mortadella, all kinds of pasta shapes and colours. Then we ramble across the street to the bookshop-foodhall, built on the premises of a former cinema and before that an old church so that you can still see the original walls.

06TA5331

An eating place on each floor, but it’s actually a bookshop… On the ground floor a cheese-salami theme and – book-wise – general best-sellers and coffee-table art books, first (or second if you’re American) floor a tiny restaurant with pasta dishes and great selection of niche food products (but kind of on the pricey side), and – again book-wise – literature and history. On the third floor more food and my favourite floor – very very good philosophy and history section and children’s books (or Stoppani down the street). What a wonderful combination. The only problem – and it’s a problem you’ll find all over the country – is that there aren’t really many books in English or in other languages; actually there isn’t really anything in English or other languages; that’s one of the things that makes this country a little difficult to navigate – and it’s a great idea to learn a bit of Italian! If you do make the effort to speak a bit, people are usually very helpful, but if they just hear English, they can become a bit defensive and sometimes seem a bit stand-offish, that might just be because it throws them a but to have to reply in a foreign language.

10MA3910

The food halls, like other food halls in Italy is great, and great for “foodies”, food and wine experts, but what I love most about Italy is the ‘ old Italy’ that you find in homes (making pastas like tortellini is exhausting and time-consuming and people now do it less frequently), in the trattorie (simple restaurants), in the local coffee bars where you still find groups of elderly men will be playing cards, in the dozens of small village festivals in dozens of small villages all over the country, in food kiosks (now more trendily called streetfood), and especially my best friend from my first years in Italy — she was almost 90 years at the time; she used to tell me about her childhood in the Appeninenes in the first decades of the last century, about how it was growing up so poor that children were sent in the forest to collect wood barefoot, or with clogs, and how those children would sometimes get tetanus because the nails in the wooden clogs were rusty… I get teary when I think about her now, and especially when looking at photos of her and my daughter who was tiny then. I learned a lot about Italy through her, things you don’t usually get to read about or hear about or see in tourist brochures, but I also learned a lot about food! She used to cook passatelli (to this day my daughter’s favourite) and crescentine for us. It was a window into a world almost gone, but kept alive in the multitude of regional cooking traditions all over the country, different from place to place, season to season, festivity to festivity, family to family.

Part 3 to follow soon!

_________________________________________________________________________

Del 2:

De pleide ikke å ha så mange forskjellige smaker når jeg først kom her, og det er morsomt å prøve nye.  Teoretisk burde jeg velge frukt smakene fordi de er vanligvis laget av ferske råvarer I selve butikken, same dag, og har mindre kalorier. Når iskremen er virkelig perfekt, helt ‘fluffy’, det er faktisk ikke en god ting – jo mer perfekt de ser ut, jo mindre sannsynlig er det at de er laget om morgenen på stedet. Du kan alltid spørre!

BOLOGNA.RISTORANTE DIANA.MORTADELLA.

Like til venstre av de To Tårn, snur vi opp en av de små gatene i hva var en gang- og faktisk fortsatt er – det gamle matmarkedet, grønnsaker og frukt og fisk , og nå er det en smart matvarehall her. Men la ikke det ordet “markedet” sette deg på feil spor – dette er hvor noen av de mest luksus butikkene er også, ved siden av fiskebutikken! Vi titter henrykt i vinduene til “Tamburini”, kanskje mest kjente mat butikken i Bologna, fullpakket med alle de tradisjonelle matvarer spesielt fra Bologna: tortellini, tortelloni, prosciutto, mortadella, alle typer pasta former og farger. Så vandrer vi over gaten til en bokhandel-mathall, bygget på en tidligere kino, og før det, en gammel kirke slik at du kan fortsatt se de originale veggene (www.eataly.net og foto). Et spisested på hver etasje, men det er faktisk en bokhandel… På grunnplan finner vi en ost-spekemat spisested og I bokhandel avdelingen årets best-selgere og salongbord/kunst bøker, i andre etasje en liten restaurant med pastaretter og stort utvalg av nisje matvarer (ikke så helt billig dessverre), og I bokhandel avdelingen finner vi litteratur og historie. I tredje etasje mer mat og min favoritt etasje – filosofi og historie delen og barnebøker (eller Stoppani like ned veien er fantastisk, mye på engelsk). For en fantastisk kombinasjon. Det eneste problemet – og det er et problem du finner i hele landet – er at det ikke er veldig mange bøker på engelsk eller andre språk. Faktisk er det egentlig veldig lite engelsk eller andre språk; det er en av tingene som gjør dette landet en litt vanskelig å navigere – så det er en god idé å lære litt italiensk! Hvis du gjør en innsats for å snakke litt, er folk vanligvis svært hyggelige, men hvis ikke, kan bli litt defensiv og noen ganger virke litt arrogante, kan det være fordi de føler seg litt usikre.

BOLOGNA. NEGOZIO ALIMENTARE - GASTRONOMIA "TAMBURINI".

Denne mathallen, som andre mathaller i Italia er flotte, og flott for “foodies”, mat- og vin eksperter, men det jeg elsker mest om Italia er den ‘gamle Italia’ – i hjemmene, i trattoriene (enkle restauranter), i den lokale kaffe baren, i de uttalige små landsby festivalene i uttalige små lansbyer over hele landet, i matkioskene (nå heter det jo ”streetfood” er begynner aa bli veldig trendy), mine venner som lager pasta hjemme selv (det er ikke så mange igjen som gjør det, det er slitsomt og tidkrevende) og spesielt min beste venninde fra mine første år i Italia – hun var nesten 90 år allerede da – og fortalte om hennes barndom i Appeninene på 1920-tallet, hvordan det var å vokse opp så fattig at man gikk i skogen for å sanke ved barfot, eller med tresko – noen ganger fikk barn tetanus fortalte hun, fordi de brukte rustne spikre for å holde treskoene sammen. Jeg blir tåreaktig av å tenke på henne nå, og ser på bilder av henne og min datter som var bitteliten da. Jeg lærte mye om Italia gjennom henne, om det man ikke leser og ser og hører om til daglig, men jeg lærte også mye om mat!

Del 3 følger snart!

 

HANDSHAKING ITALIAN by

love_italian_positivo80

www.loveitalian.it

Bandiera_inglese150                                                                            Bandiera italiana 150

At the Bank                                                                            Alla banca

Excuse me, is there a bank nearby?                                              Mi Scusi, c’è una banca qui vicino?

Yes, there are many.                                                                           Sì, ce ne sono molte.

Which bank are you looking for?                                                    Quale banca cerca?

You need to turn right.                                                                    Deve girare a destra.

The bank is next to the church.                                                     La banca è di fianco alla chiesa.

 I would like to change this check.                                                Vorrei cambiare questo assegno.

Are you a foreigner?                                                                         Lei è un cittadino straniero?

You need to give me an identity document,                      Deve darmi un documento di identità,

The tax code                                                                                      Il codice fiscale

and your residence permit.                                                           e il suo permesso di soggiorno.

More TIPS and ITALIAN LANGUAGE at the website www.loveitalian.it

 

 

 

On Sunday, November 26, the wonderful setting of the Grand Majestic Hotel già Baglioni in Bologna hosted the presentation of the book, Sicily: A Journey of Discovery, promoted and organized by Bologna Connect.

The cofounder of the association, Antonella Orlandi, spoke about the commitment of Bologna Connect in the promotion and enhancement of the territory; the translator of the book, Lucia Scigliano, described her emotion in recounting her home region through a foreigner’s eyes; and of course the author Mary Tolaro Noyes, moved the audience with anecdotes and images of her Sicilian family’s origin.

Already the author of books Bologna Reflections and Gathering Chestnuts and ambassadress of Bologna Connect in San Francisco, Mary Tolaro Noyes told of her love and curiosity for the city of Bologna and for Sicily and of the similarities and differences between the two regions.

The journalist and writer Stefano Andrini, who masterfully captured the audience’s attention with humorous and at times stirring anecdotes, coordinated the meeting.

We thank the Director of the Grand Hotel Majestic Tiberio Biondi for providing the lovely venue for our event.

Editing by Kyrene Kagahastian

 
Domenica 26 novembre, la meravigliosa cornice del Grand Hotel Majestic già Baglioni di Bologna ha ospitato la presentazione del libro Sicilia: un viaggio verso le radici, promossa ed organizzata da Bologna Connect.
Sono intervenute la cofondatrice dell’associazione Antonella Orlandi, che ha raccontato l’impegno di Bologna Connect nella promozione e valorizzazione del territorio, la traduttrice del libro Lucia Scigliano, che ha spiegato l’emozione di raccontare la propria terra attraverso occhi stranieri e, naturalmente, l’autriceMary Tolaro Noyes, che ha emozionato il pubblico con aneddoti e immagini della sua famiglia d’origine siciliana.
Già autrice dei libri Bologna Reflections e Gathering Chestnuts e ambasciatrice di Bologna Connect a San Francisco, Mary Tolaro Noyes ha raccontato del suo amore infinito e sempre curioso per la città di Bologna e per la Sicilia e delle similitudini e differenze tra le due terre.
L’incontro è stato coordinato dal giornalista e scrittore Stefano Andrini, che con maestria ha rapito il parterre con note dal sapore divertente, ma soprattutto molto emozionante.
Si ringrazia il Direttore dell’Hotel Tiberio Biondi per l’incantevole location messa a disposizione.

Editing by Lucia Scigliano

26 Kasım Pazar günü, Bologna’da ki Grand Hotel Majestic gia Baglioni’nin görkemli konferans salonu, Bologna Connect tarafından desteklenen ve düzenlenen Sicilya Köklere Doğru Yolculuk kitabının sunumuna ev sahipliği yaptı.

Derneğin kurucu ortaklarından Antonella Orlandi, Bologna Connect’in bölge adına verdiği iyileştirme ve geliştirme konusundaki çabalarından bahsetti. Kitabın çevirmeni Lucia Scigliano, kendi memleketini yabancıların gözleri önüne sererken ki duygularını aktardı. Ardından kitabın yazarı Mary Tolaro Noyes seyircilere, Sicilya kökenli ailesinden fotoğraflar sergiledi ve anektodlar anlattı.

Daha önce Bologna Reflections ve Gathering Chestnuts kitaplarını da yazmış olan ve BolognaConnect’in San Francisco temsilciliğini yapan Mary Tolaro Noyes, Bologna’ya ve Sicilya’ya olan sonsuz gönül bağını, bitmek bilmeyen merakını; bu iki şehrin benzerliklerini ve farklılıklarını anlattı.

Gazeteci ve yazar Stefano Andrini, kitaptan bir takım anektodlar anlatırken, yaptığı espirilerle dinleyicileri gülmekten kırıp geçirdi, heyecanlı uslubuyla dinliyicilerin dikkatini ustalıkla çekmeyi başardı.

Grand Hotel Majestic’in direktörü Tiberio Biondi’ye, bu muhteşem salonu etkinliğimiz adına sağladığı için çok teşekkür ediyoruz.

 Editing by Elif Okyay

IMG_2854 (1)

23844722_929460427208494_3736834828500936979_n[1]
11 сарын 26ны ням гарагт, Болонья хотын Гранд Мажестик зочид буудалд Сицилийн тухай нэгэн номын нээлт боллоо. Өв уламжлалынхаа зүгт хэмээх энэ номын нээлтийг Bologna Connect холбооноос зохион байгуулсан юм. Холбооны үүсгэн байгуулагч Антонелла Орланди үйл ажиллагааныхаа тухай товч танилцуулж, номын орчуулагч Лучиа Шиллиано эх нутгийнхаа тухай гадны өнцгөөс харж илэрхийлэх ямар байсан тухай ярилцав. Мөн номын зохиогч Мэри Толаро Ноеэс сициль нутгаас гаралтай гэр бүлийнхнийхээ тухай сонирхолтой түүх, хуучин зурагнуудаасаа хуваалцлаа.
Болоньягийн тусгал, Туулайн бөөр цуглуулах нь хэмээх номнуудын зохиогч, Bologna Connect төвийн Сан Франциско хот дах төлөөлөгч хатагтай Мэри Толаро Ноеэс Болонья хотод бас Сициль аралдаа хайртай гээд энэ хоёр газрын ялгаатай, адил талуудыг нь мөн дурдав.
Зохиолч, сэтгүүлч Стефано Андрини энэ уулзалтыг зохион байгуулахад чухал үүрэг гүйцэтгэсэн бөгөөд тэрээр танхимд хөгжилтэй уур амьсгал нэмж байсан юм. Эцэст нь гайхалтай орчинд энэ уулзалтыг хийх боломж олгосон зочид буудлын удирдлагад баярлалаа.
Ц.Нямаа.
Editing by Tseveendorj Nyamdemberel

Abbiamo incontrato Giulia Salucci di Younet e le persone coinvolte nel progetto VET provenienti dalla Bulgaria. Blagovesta Guetova, per Bologna Connect, i due studenti bulgari Vladimir Karakehayov e Mihail Yurukov e le loro insegnanti , la Sig.ra Hristova e la Pechilkova, c’hanno raccontato la  loro esperienza di scambio a Bologna.

Giulia, ci vuoi raccontare brevemente come e quando nasce il progetto di Younet?

Younet nasce nel 2010 come associazione di promozione sociale e per esperienza diretta dei fondatori che in seguito alla partecipazione a dei campi di lavoro finanziati dai progetti europei, hanno cominciato a scrivere scambi giovanili. Da questi progetti inizialmente molto semplici, ha preso vita l’esperienza di Younet; nel corso del tempo i progetti scritti ed implementati si sono fatti sempre più complessi, abbiamo ampliato prima allo SVE (Servizio Volontario Europeo) e successivamente, dal 2013, ai progetti in ambito VET (Vocational Educational Training). Questi ultimi sono progetti di mobilità per studenti di scuole tecnico-professionali (vocational students). E’ l’esperienza che stanno vivendo  i ragazzi; si tratta dell’opportunità, all’interno del programma Erasmus +, di svolgere un tirocinio all’estero all’interno di un percorso scolastico.

Younet collabora, inoltre, con numerosi enti locali – tra cui lo Europe Direct, il Comune di Bologna e la Regione -, organizza attività con scuole, centri di aggregazione e gestisce uno sportello di consulenza alla mobilità giovanile, che si chiama YouMOB, a Bologna e a San Lazzaro, per fornire qualsiasi tipo di informazione a chiunque voglia partire per l’estero. Non ultima c’è la gestione delle giornate di informazione e orientamento che la stessa Regione ci chiede di organizzare.

Fra le opportunità per partire col programma Erasmus + abbiamo progetti di breve, medio e lungo termine . Nel primo caso, si tratta di semplici scambi giovanili e corsi di formazione, fra i progetti di medio termine abbiamo i VET , invece gli ultimi, più duraturi, sono SVE, Strategic Partnership e Capacity Building. Si tratta di progetti pluriennali più ampi dei precedenti e che trattano di diverse tematiche, dal sociale all’ambiente, alla cittadinanza attiva.

Un altro tema importante è quello dell’imprenditorialità giovanile, a cui ci dedichiamo dall’anno scorso. Al di là dei singoli progetti, comunque, si può dire che il focus sia sempre la mobilità giovanile, il nostro obbiettivo è quello di incentivarla il più possibile, sensibilizzando i ragazzi e facendo comprendere loro come quella dello scambio sia una fondamentale opportunità di apertura e di crescita personale e professionale.

 La nostra chiacchierata continua, poi, con le due insegnanti che hanno accompagnato gli studenti durante questa esperienza a Bologna.

Come siete entrate a contatto con Younet?

Non sappiamo i dettagli, ma sicuramente tutto è partito dalla volontà del preside dalla nostra scuola che si è messo in contatto con altre scuola del paese per avere informazioni sulle opportunità di scambio. La nostra scuola l’anno scorso ha partecipato ad uno scambio della durata di un mese con la Germania. I ragazzi, che si occupavano di meccanica, hanno avuto l’opportunità di andare a visitare la Mercedes e BMV.

Per voi è la prima volta in Italia?

Una di noi era stata in vacanza a Venezia, ma è la prima volta che facciamo uno scambio di questo tipo.

Da quale scuole provengono i ragazzi?

Sono iscritti alla “Vocational High School of Engeneering and Technology ‘Hristo Botev’”; si tratta di un istituto superiore con circa 200/230 studenti iscritti. Attualmente sono disponibili tre indirizzi: quello informatico legato principalmente alla riparazione, un indirizzo legato alla meccanica e ai trasporti e infine il terzo legato all’apprendimento dell’utilizzo delle macchine da cucire.

Generalmente qual è la reazione dei ragazzi e delle loro famiglie quando vengono proposte questo genere di opportunità?

Da parte di entrambi c’è molto interesse e molto entusiasmo per un’eventuale partecipazione. Purtroppo però il progetto prevede la partecipazione di sole 20 persone, perciò gli esclusi sono sempre tanti.

Vi è piaciuta Bologna?

Purtroppo non abbiamo avuto modo di girare molto per la città, ma sicuramente le cose che c’hanno colpito di più sono l’architettura e l’atmosfera, decisamente diverse da quelle a cui siamo abituate. Per noi vedere un centro storico medievale perfettamente conservato è assolutamente una novità. Una delle cose che c’ha meravigliato è, senza dubbio, la gentilezza e la disponibilità dei bolognesi, soprattutto sui mezzi pubblici. Speriamo che questo serva da esempio anche per i ragazzi, perché imparino ad essere sempre gentili e cortesi verso gli altri.

Siete soddisfatte del progetto e della vostra partecipazione?

Siamo molto contente di avere avuto questa opportunità e di vedere i nostri ragazzi contenti dell’esperienza che stanno facendo. Sono molto giovani, per loro è stata la prima esperienza all’estero senza la famiglia e a volte è capitato che avessero nostalgia di casa e che questo mese sembrasse passare troppo lentamente. Ma vista la giovane età è assolutamente comprensibile e nel complesso, è stata comunque un’esperienza molto positiva.

Blagovesta Guetova, anche lei di origini bulgare, collabora con Bologna Connect e durante quest’esperienza è stata il punto di riferimento dei ragazzi.

Blagovesta, di cosa vi siete occupati tu e i ragazzi durante questa collaborazione.

La collaborazione con i ragazzi si è svolta nell’ambito del progetto di Bologna Connect, un’associazione che ha come obbiettivo quello di portare Bologna nel mondo ed il mondo a Bologna. Il nostro lavoro, quindi, ha avuto come obbiettivo quello di mettere le basi per la promozione di Bologna in Bulgaria e accrescere il turismo incoming e outgoing. Inizialmente abbiamo fatto una serie di uscite per conoscere Bologna e raccogliere materiali promozionali come foto e video, abbiamo poi preceduto con la creazione di due database, uno delle strutture alberghiere che potrebbero eventualmente ricevere i turisti bulgari e uno delle agenzie di viaggi e tour operator in modo da avere le idee chiare sulle offerte esistenti. Abbiamo poi cominciato la preparazione di un sito in bulgaro, inglese e italiano e di un profilo Facebook, sempre da utilizzare per la promozione turistica. Vista la giovane età dei ragazzi, abbiamo pensato anche di divertirci un po’ realizzando dei brevi video in cui rispondiamo alle principali domande sulle eccellenze di Bologna e scherziamo, ispirandoci alle domande più assurde che fanno alcuni turisti. I ragazzi inoltre, hanno avuto modo di mettere in pratica le loro competenze tecnico-informatiche, aggiustando qualche tablet e USB device che hanno avuto dei problemi durante il nostre mese insieme.

Vladimir e Mihail (17 e 15 anni) un po’ intimiditi, ci raccontano fra il bulgaro e l’inglese, come è stato il loro mese bolognese e cosa porteranno con sé di quest’esperienza ormai agli sgoccioli.

Cosa avete imparato?IMG_20160715_160956

Per noi questa è stata la prima esperienza di tipo lavorativo, quindi il primo passo è stato sicuramente la costituzione di un team e la necessità di imparare a lavorare per obbiettivi e in maniera autonoma. Una delle prime scoperte è stata Whatsapp che in Bulgaria non si usa quanto Viber o Messenger, questo è stato fondamentale perché attraverso un gruppo abbiamo avuto modo di condividere con Blagovesta alcuni materiali come le foto fatte in giro per la città. Un’altra cosa molto importante è stato imparare ad utilizzare Excell per creare i database di alberghi e agenzie di viaggi.

Suggerireste ad altri ragazzi di partecipare ad uno scambio?

Assolutamente si.

Quali sono stati i punti di forza di quest’esperienza?

E’ stato tutto molto bello, ma sicuramente una delle cose più importanti è stata la possibilità di approfondire le nostre conoscenze informatiche a livello di software, visto che i nostri studi si sono concentrati maggiormente sull’hardware. Anche noi siamo stati molto colpiti dalla gentilezza e disponibilità delle persone, ora che torniamo in Bulgaria cercheremo di portare la nostra esperienza ed essere più gentili con tutti!

Cosa pensate di questo progetto? Pensate che questa collaborazione potrebbe proseguire nel tempo nonostante la distanza?

Perché no, è una cosa che si può fare. Inoltre questo progetto potrebbe andare avanti anche con gli altri ragazzi che verranno a Bologna da Settembre e che potranno dare il loro contributo e mettere le loro competenze al servizio del lavoro svolto fino a questo momento.

 

A Manatthan, tra la 274 West e la quarantesima strada, ogni mattina si serve lo stesso caffè che si beve a Bologna e anche dall’altra parte del mondo vi sembrerà di essere a casa.

Michele Casadei Massari e Alberto Ghezzi, due bolognesi doc, nel 2009 partivano alla volta della “grande mela” per fondare il Piccolo Cafe, ristorante-bistrot, che ha trovato nell’ amore per la propria terra d’origine e nella spontanea semplicità degli ingredienti della tradizione la sua più grande fonte di ispirazione.

Già, perché nel bel mezzo di Madison Square, di fronte alla sede del New York Times, tutti i giorni si servono tortellini e tagliatelle al ragù, lasagne, salumi, lambrusco e altre specialità della cucina tipica emiliano – romagnola.

piccolo caffè2                                           piccolo3

 

Seduti comodamente ai tavolini di legno c’è una storia tutta bolognese che si dispiega nei sapori e profumi di casa, nei colori caldi e accoglienti dell’arredamento, la maggior parte fatto a mano o riciclato, nelle proiezioni delle partite di calcio dei “rossoblu” e non solo: soltanto un mese fa la guida enogastronomica “Bologna The Indulgent” sbarcava a New York proprio al Piccolo Cafe  per raccontare di Bologna attraverso affascinanti itinerari, tra le architetture della città e le sue eccellenze culinarie, “Bologna la Dotta” e “Bologna la Golosa”, due storie inseparabili.

 piccolo6

La loro avventura comincia nella notte di natale 2009, quando insieme Michele e Alberto decisero di aprire un piccolo stand al mercato di Union Square, dove si vendeva caffè italiano, cappuccino e dolci bolognesi: panettoni e amarene. Di lì a poco l’idea: reinvestire sul proprio territorio d’origine e farlo attraverso il cibo, la grande arte di noi italiani. Da allora il Piccolo Cafe è diventato una perla rara della metropoli d’ oltreoceano, tanto che c’è il “rischio” di dover condividere la colazione con Di Caprio, Uma Thurman o Ethan Hawke con la sola eccezione che per tutti i bolognesi che vanno a far visita al Piccolo Cafe viene offerta dalla casa.

Sembra ancora un sogno e invece è diventato realtà, lo sanno bene i nostri due bolognesi, che adesso si trovano a gestire ben quattro locali e stanno già progettando di aprirne un quinto nell’ Upper East Side, oltre che a specializzarsi nel servizio di catering. Insomma le idee sono molte e sempre brillanti, la chiave del successo è credere che nella semplicità e nella tradizione risieda la natura e bellezza delle cose.

Un’esperienza di straordinaria tenacia che porta Bologna alle porte del mondo e tocca il cuore di tutti noi suoi cittadini e amanti.

piccolo4

 

你还在为做不好西餐而苦恼吗?为每次去昂贵的西餐厅吃一些华而不实的食物的花销心疼吗?

博洛尼亚A Scuola di Gusto烹饪学校将为你提供最好的选择。

2015年11月6日举办了烹饪培训课程的开幕典礼。

immagine prima

此课程由Iscom Bologna机构,Confcommercio Ascom机构和Panificatori机构合作,致力于推广意大利传统美食及烹调方面的革新教学实验。

现在已开设Emilia Romagna大区特色意大利菜课程,西餐厨师课程,西点厨师课程。并且根据学生不同层次及需求制定课程人数。

全方位的课程不仅学习对食材的烹调方法,也学习各种各样的厨房设备的正确使用。顶级厨房烹调设备占地约250平方米,包括专业烤箱,和面机,发酵室,压模机,切块机,急速冷冻柜等。

有足够大的空间去观察并跟随老师的每一步操作。此外还设有更衣室和储存原材料的仓库。

immagine seconda

“ 我们烹饪学校不仅致力于培养专业的厨师人才,并且设置不同课程来满足那些对烹饪无限热爱的人们。我们坚信这次进修可以提供更好的工作机遇,毕竟这将是一个受全世界瞩目的烹饪经历。”Confcommercio Ascom Bologna机构的主席如是说。

immagine terza

我有幸跟随Bologna Connect文化机构的负责人Antonella Orlandi和Laura Bizzari参与了此次活动。 我们真心祝愿A Scuola di Gusto 烹饪学校可以越办越好,将意大利美食发扬光大。

‘是谁来自山川湖海,却囿于昼夜,厨房与爱’也祝愿那些热爱美食的人们,都能找到属于自己的幸福。

Bologna, Italia  :  a Scuola di Gusto il sei Novembre scorso  c’è stata la cerimonia di apertura dei corsi di formazione culinaria. Non sei ancora abbastanza  bravo in cucina  ma vorresti sorprendere i tuoi amici con una cena da gourmet?Quando vai in un ristorante spendi molto e non resti del tutto soddisfatto?  A Bologna a Scuola di Gusto  troverai la migliore opportunità per migliorare le tue capacità in cucina attraverso un’ampia gamma di corsi specializzati che nascono,oltre che dall’ esperienza di docenti qualificati nei diversi ambiti della gastronomia, anche dall’amore e dalla passione per l’arte della cucina.

immagine prima

  La scuola, creata da Iscom Bologna, con la collaborazione di Confcommercio Ascom Bologna e l’ Associazione Panificatori di Bologna e Provincia, è dedicata alla promozione della cucina italiana e della cultura gastronomica del nostro territorio attraverso la continua sperimentazione e innovazione dei metodi di insegnamento. A Scuola di Gusto la grande varietà di scelta dei corsi prevede moltissime proposte e tutte assai interessanti:  corso professionale cuoco, corso professionale pizzaiolo, corso professionale pasticceria , ognuno con programmi diversificati in base alle esigenze e al numero dei partecipanti che hanno  la possibilità di seguire l’intero processo di preparazione del prodotto dalla materia prima alla composizione finale del piatto. Si imparano non solo ingredienti e metodi di cottura, ma anche il corretto utilizzo di una vasta gamma di attrezzatura da cucina all’ avanguardia. Ci sono  250 mq attrezzati con i più moderni macchinari professionali tra cui : forno professionale, impastatrici, sfogliatrici ,spezzatrice, macchine per la temperatura del cioccolato, un abbattitore di temperatura ,cella di lievitazione ecc. Il  laboratorio dispone di una zona “lavoro centrale” , spogliatoi, nonché di un magazzino attrezzato per la conservazione delle materie prime.

immagine seconda

    “La cucina della scuola di gusto nasce non solo per preparare figure professionali nei settori di food ma anche per soddisfare le esigenze degli appassionati di cucina” , afferma Enrico Postacchini Presidente Confcommercio Ascom Bologna, e continua “ Crediamo fermamente che questo progetto formativo possa offrire buone opportunità di aggiornamento professionale ed anche un’esperienza gastronomica millenaria apprezzata in tutto il mondo”.

 immagine terza

  Ho avuto l’opportunità, assieme alle  responsabili  dell’associazione culturale Bologna Connect, Antonella Orlandi e Laura Bizzari ,di partecipare all’ inaugurazione della Scuola Di Gusto a Bologna il 6 Novembre. Auguriamo alla Scuola Di Gusto i nostri più sinceri auguri affinchè possa promuovere la tradizione culinaria italiana e crescere sempre di più. “Cucinare è una grande forma d’amore, auguriamo a chi ama la cucina di trovare in essa la propria felicità”